Cosa vedere a Cortona

Cortona, un piccolo borgo toscano tutto da scoprire

Cortona è un grazioso borgo sito in provincia di Arezzo, vicino al confine tra Toscana e Umbria, nella pittoresca Val Di Chiana. Si tratta di una cittadina d’arte e di cultura, posta su un’altura e circondata da una scenario naturale unico, che la rende ancora più suggestiva ed incantevole. È ormai tra le mete di rilievo del turismo in Toscana.

Le sue origini risalgono ad epoca etrusca, più precisamente al V sec. a.C. In seguito passò ad essere una roccaforte romana, grazie alla sua posizione strategica nei pressi dell’importantissima Via Cassia.

Questo piccolo gioiello architettonico deve il suo nome, secondo una antica leggenda (raccontata anche dal vate Virgilio), all’elmo perso in quest’area dal mitico eroe Dardano. L’elmo, caduto dal capo del guerriero durante un violento combattimento avvenuto nell’area dove oggi sorge il borgo, viene indicato con il termine “Coryn”, dal quale deriva il nome Corito, poi trasformatosi col passare dei secoli in quello attuale, Cortona.

Cosa vedere a Cortona

Cortona può essere visitata a piedi, godendo dei labirintici vicoletti tipici dei borghi antichi. Di queste epoche lontane che hanno visto la cittadina protagonista di battaglie sanguinose, di lotte per il territorio tra famiglie nobili, di diffusione di nuovi gusti artistici, sono rimaste molte testimonianze fisiche, strutturali ed architettoniche.

I 2.880 metri di mura di cinta, imponenti e perfettamente rintracciabili anche da occhi non esperti, ma anche la conformazione stessa del centro urbano, sono tipiche degli insediamenti di epoca etrusca. Memoria di personaggi importanti nati nella città sono i nomi di vie e piazze, come nel caso di Piazza Signorelli, dedicata appunto all’artista Luca Signorelli. Cortona ha dato i natali anche a Pietro Berettini, detto Pietro da Cortona e Stefano di Giovanni, detto Stefano il Sassetta, entrambi noti artisti del panorama italiano.

Assolutamente da vedere, se state programmando una visita a Cortona:

1) La Piazza del Duomo con la cattedrale rinascimentale di Santa Maria;

2) Il Museo dell’accademia etrusca;

3) Il Museo Diocesano, che comprende opere di Beato Angelico, Signorelli e molti altri artisti noti;

4) La Basilica di Santa Margherita;

5) La Fortezza del Girifalco, che domina tutta la valle;

6) La Piazza Signorelli con Palazzo Casali, costruito da una importante famiglia nobile del luogo;

7) La Piazza della Repubblica con il Palazzo del Capitano ed il Palazzo Comunale.